Perchè un po' di shopping non si nega a nessuno (neanche a me, nonostante tutto)


Vorrei che questi saldi volassero e che io rimanessi ben lontanta da qualsiasi tentazione fino alla fine, perchè ora come ora, ma anche ora come prima, spendere quei pochi soldi (guadagnati) che ho equivale a dire rendere sempre più precario il mio futuro in questa città (ma forse anche altrove).
Ma è inutile, non regge nessuna scusa, neanche quella del lastrico e delle bollette da pagare e del lavoro che non c'è e di un ipotetico mutuo da accendere.
Quì si guarda al presente. Il futuro non riesco in questo momento neanche a rappresentarlo con la più fervida immaginazione. Dove andrò, che farò? Potrei anche vivere su un atollo o in una casa di legno nel nulla della Norvegia. E allora, visto che è così, per deformazione professionale (devo tenermi aggiornata con le tendenze, suvvia!) io qualche cosa la dovrò pure comprare. Mentre immagino quanti affari da fare ci saranno in giro, in questo momento, almeno uno, lo voglio portare a casa pure io.
E sempre sia santificata e beatificata Zara che, checchè se ne dica, io ci trovo sempre cose carine e che mi durano un paio di stagioni. Ma poi diciamocela tutta, è pure meglio così, perchè avremo la scusa di rifiondarci in zona camerino a farci del male, o del bene. Dipende dai punti di vista. Di fronte a quella gonna a portafoglio che abbiamo visto svettare dalle gambe chilometriche di decine di  modelle su La 21ème o alla felpa con qualche scritta da "fescion blogghe", noi forse cederemo ancora. Salvo pentircene dopo esserci riviste allo specchio di casa ed aver capito che Scott Schuman non ci cagherebbe lo stesso. Ok, siamo fatte così. Altro giro, altra corsa, altro trend.
E quindi veniamo al sodo. Un solo giro di shopping, tolto il dente tolto il dolore. Meno di 100 euro spesi ed io posso ora soffrire felice, mentre riempio cartelli virtuali su i vari siti on line e li svuoto confessandomi che poi sicuramente dal vivo quel vestitino stile lingerie farà schifo.
Spero di poter tornare presto a concedermi almeno due giri di shopping, senza pensarci. Ma per ora è spending review. Così sia. Amen.

Abito con gonna pantalone Zara 19.99 euro
Pigiama Oysho con fiocchi di neve 14.99 euro
Maglione maculato Mango 29.00 euro
Libri
Pantalone Promod 10 euro
Cappello Beauty&co 17,99 euro
Orecchini Accesorize 3.99 euro
Camicia bon ton mercato 15 euro

Etichette: ,