|| My Diary || Cronaca di una giornata senza doppie punte



Oggi mi sono svegliata e stavo male, tipo da avere la piacevolissima sensazione di un ferro da stiro poggiato sul petto. 
La sveglia mi ricordava che dovevo andare in ufficio, ma il mio corpo non ne voleva sapere.
E ovviamente non l'ho contraddetto, non si sa mai invece di due giorni mi fa stare a letto una settimana che io c'ho troppe cose "da fà e da spiccià" come direbbero a Roma.




Intanto, ho la testa più leggera di un chilo o almeno questo è quello che sembra a me.
Che ieri all'evento L'Orèal Professionnel (che sempre sia lodato) il mio parrucchiere (santo subito) c'ha dato dentro e ha fatto un lavoro che manco Edward mano di forbice (in senso positivo)... 'n amore insomma.
  

Che dopo due anni i miei capelli per un giorno sono senza doppie punte e non sono quando ricapiterà perchè 'ste maledette si riformano alla velocità della luce, lo fanno apposta, è tutto un complotto con le industrie cosmetiche per farci comprare l'ennesimo balsamo ripatore, semi di lino, cristalli liquidi o direttamente Acqua di Lourdes.



Che l'outfit del giorno è il pigiama che mi ha regalato mia madre a Natale di pail firmato Intimissimi con un bel cuore di brillantini che dice Winter non so che...e ai piedi c'ho le pantofole De Fonseca che non faranno It Girl ma sono "scented" cioè profumano! non so se mi spiego...eh! mica tutti possono vantarle, è semplice sfoggiare una Chanel 2.55 o una Givenchy ma le pantofole scented, mica cotica...c'è cioè....




Sul fornello il bollitore va che una meraviglia, stava a fare la polvere ed invece, vedi che ha una sua funzione sociale.
Bevo camomilla manco c'avessi i nervi a pezzi che il fidanzatino m'ha lasciata su "uozzap".



Insomma, se ieri non li dimostravo i miei 30 anni oggi me ne porto direttamente 81 tutti tra cervicale e via respiratorie.

Ciao da una con il pigiama e la sciarpa.


Etichette: