Grammy Awards 2013: Rihanna in Azzedine Alaïa e tutti gli in e out delle celebrities



Il red carpet dei Grammy Awards a Los Angeles, giunti alla loro 55esima edizione, è uno dei più ambiti dalle star della musica mondiale.
Non per niente due delle celebrities più attese, Rihanna e Beyoncè, hanno fatto scintille e lasciato tutti a bocca aperte grazie al loro stile inconfondibile e terribilmente glamour.

Rihanna, che sa anche lasciar perdere outfit non proprio azzecatissimi da bag girl, ha dimostrato di avere anche un lato più dolce e romantico, ma sempre pericolosamente sexy.

In un lungo abito rosso firmato Azedine Alaia prima e con un delizioso Luciano Soprani vintage sul palco, la cantante delle Barbados ha calamitato gli sguardi dei presenti e del suo Chris Brown con cui sono apparsi nuovamente insieme in pubblico.
Per il resto ho diviso gli outfit che più mi hanno colpito in Sì Nì e No, voi cosa ne pensate? Avreste cambiato qualcosa?

Rihanna in Luciano Soprani vintage sul palco
a volte ritornano Rihanna e Chris Brown dopo le mazzate di nuovo felici ( se lo dicono loro!)



Beyonce in Osman by Osman Yousefzada'




Kelly Rowland in Georges Chakra Couture: un pò troppi vedo non vedo


Justin Timberlake in Tom Ford: pallido come un cencio, in stile gangstar sta bene, ma il calzino bianco...
prego notare il calzino bianco di Justin
No
Adele in Valentino: troppi troppi fiori, da mal di testa...




Jennifer Lopez in Anthony Vaccarello: a Jlo e basta c'hai due figli, coprite!!!
No

Nicole Kidman in Vera Wang: un altro pò di flash e Nicole non si vedeva proprio, sbagliato colore di vestito e troppo botox


Alexa Chung in Red Valentino: bellissima, ma poteva osare di più

Katy Perry in Gucci: abbiamo capito qual è il tuo punto forte, ma spararle proprio così mi sembra troppo...
No
Alicia Keys in Azzedine Alaïa: effetto clessidrapiù che sirena
No
Florence Welch in Givenchy, questo verde starebbe male anche a Gisele
No
Chris Brown in Lanvin: l'abito ahimè non sempre fa il monaco
No
Kimbra in Jaime Lee Majo: 'na cosetta sobria

Etichette: , ,