||A tu per tu|| E' tutta questione di stile e di aMURR: la mia intervista a I Murr



Roberta e Antonio Murr sono molto di più che personal shopper o fashion consultants, sono degli 'angeli custodi' delle donne e della femminilità, in tutte le sue forme e declinazioni.
Io ho iniziato a conoscerli grazie al programma Buccia di banana su La7 condotto dalla bravissima Giusy Ferrè e da allora ho sempre apprezzato, sia il loro modo di approcciarsi al lavoro, che alle persone.




Ho avuto la possibilità d'intervistarli per provare a carpire i segreti del loro successo professionale e di coppia, ecco cosa mi hanno risposto.

Vf: Leggere la vostra biografia è stato come fare un avventuroso viaggio, quello che chiunque aspiri a lavorare nel mondo della moda desidererebbe forse intraprendere: viaggi, incontri fortunati, esperienze e poi l'amore e la carriera insieme. Ci sono stati momenti in cui avete pensato di non farcela? Se sì come li avete superati?

Murr: Certo, ci sono stati momenti difficili ma la nostra forza è stare insieme e sostenerci a vicenda. L'importante è non smettere mai di sognare.

Vf:ll vostro successo nel programma condotto da Giusi Ferrè "Buccia di banana"  è stato anche dovuto alla grande empatia che dimostrate con le vostre 'bucce', la capacità di andare oltre il semplice stare bene o male, ma voler capire le ragioni profonde dell'incapacità di valorizzarsi o di volersi prendere cura di sè stessi delle persone che chiedono il vostro aiuto. C'è qualcosa di personale in questo tipo di approccio? Anche voi
avete vissuto momenti di mal accettazione di voi stessi o è una dote
maturata con il tempo?


Murr: Abbiamo una visione positiva della vita e di noi stessi, amandoci e rispettandoci per quello che siamo e per la nostra unicità. Purtroppo questo pensiero non è molto diffuso ed è perciò che il nostro modus operandi con le persone che si rivolgono a noi è quello di condivisione e accettazione di questa filosofia di vita. Ci piacerebbe definirci dei 'dispensatori di aMURR con stile!'.

Vf: Avete mai pensato di lasciare il mondo della moda per intraprendere un'altra attività?

Murr: Noi non lavoriamo pensando al settore. La moda è un grande amore ed è dove la nostra passione ci ha portato, ma porta è sempre aperta e noi pronti a metterci in gioco.



Vf: Come vivete la popolarità, il fatto di essere comunque diventati dei volti noti e riconosciuti? [Pro e contro]

Murr: Noi lavoriamo in televisione e siamo dei visi conosciuti, ci piace stare con la gente e vivere la gente.
La nostra vita continua come prima, soltanto che invece di lavorare in una redazione lavoriamo in uno studio televisivo.

Vf: Come vive vostro figlio il fatto che i genitori siano così 'particolari' ed è già un fashion addiced oppure no?


Murr: Nostro figlio è un bimbo che sin da piccolo ci ha dovuto seguire in giro per il mondo e per lui tutto quello che facciamo è la normalità. Ama giocare con i vestiti, ma non ne è una vittima come non lo siamo noi. Fin da piccolissimo, uno dei suoi primi giochi è stata una grande scatola dei travestimenti.

Vf: Cosa ne pensate del fenomeno fashion blogger?


Murr: Democratizzazione della moda, finalmente punti di vista diversa dalla carta stampata.

Vf: Il nome delle celebrities a cui vorresti rifare il look?

Murr: La lista sarebbe lunghissima...

Vf: Cinque trend dell'autunno inverno 2012 ed un consiglio per non sbagliare.

Murr: Il barocco, il nero bon ton, i colori: blu china, rosso, bianco; le applicazioni, la pelle scura. Il consiglio è di fare un attento check up del vostro armadio prima di acquistare i capi di tendenza.

Vf: C'è qualche aspetto del fashion system che non gradite?

Murr: Non capiamo perchè la maggior parte delle persone che lavorano nelle redazioni di moda siano sempre tristi e arrabbiate pur facendo uno dei lavori più belli al mondo.

Vf: Pensate che la moda stia veramente cambiando approccio nei
confronti delle modelle troppo magre?

Murr: Se ne parla tanto ma si fa poco, al momento non è cambiato nulla.

Seguite i Murr ai seguenti link
blog
facebook
tumblr
pintrest
instagram
cinemagram
web site


Etichette: , , , ,