United Colours of Benetton: quanti ricordi




 





Quand'ero piccola a casa mia non c'erano molti soldi per i vestiti quindi le cose si compravano in genere unpaio di volte l'anno, però mia madre ci teneva a comprarle buone, così duravano di più, diceva.Il  piccolo paese non offriva molta scelta e nella via di mezzo c'erano la Benetton e la Stefanel, che offrivano capi buoni a prezzi alti ma accessibili anche per noi.
Ricordo che compravamo sempre un paio di maglioncini caldi e colorati e pantaloni spesso di velluto o felpati, ottimi per le pigre e fredde mattine invernali.
Benetton e Stefanel erano sinonimo di qualità, made in Italy e durata dei capi, cosa che ancora adesso vale per l'azienda che nonostante la devastante concorrenza dei low cost cerca di mantenere la sua fetta di clientela fedele.
Io conservo ancora adesso alcuni di quei maglioncini, e sono ancora terribilmente morbidi e caldi, di quelli che si passano da fratello a sorella fino ai cugini e mantengono ancora il loro bell'aspetto.
Ma tornando ad oggi mi piacciono sempre molto le immagini delle campagne pubblicitarie della Benetton, mi evocano sempre piacevoli valori: libertà, anti-razzismo, anti-omofobia, multiculturalità, multirazzialità...e poi sono sempre tanto corolate!

Ecco alcune immagini tratte dal sito della Benetton






                                             







                                          


 

Etichette: , , , , ,